lconti

HORACE McCOY: UN SUDARIO NON HA TASCHE

In books, Horace McCoy on febbraio 7, 2009 at 14:59

shroud

Terre di Mezzo, febbraio 2009

Traduzione e postfazione di Luca Conti

Un terrificante ritratto dell’Italia contemporanea, tra giornali asserviti al potere e ronde padane, tra leggi razziste e colpi di stato nemmeno tanto striscianti, tra diritti negati e ingerenze ecclesiastiche, tra moralismo e ipocrisia, tra corruzione e tangenti. Un romanzo durissimo, che ci spiattella sotto il naso senza alcuna pietà tutto ciò che siamo diventati.

Come dite? Mi sto sbagliando? E’ un romanzo del 1937? Di oltre settant’anni fa? E parla degli Stati Uniti, non dell’Italia di oggi?

Non me n’ero accorto, giuro. E sì che l’ho tradotto io.

  1. Un grandissimo romanzo davvero, Conti.
    Se ne attendeva da secoli una ristampa. E pure una traduzione nuova…
    Io posseggo il vecchio Bompiani, 1994. Traduzione di Bocchiola e Santachiara

  2. Sono previste altre ristampe oltre a questo e a Non si uccidono così anche i cavalli? Avevo letto Avrei dovuto rimanere a casa e mi era piaciuto molto. Mentre non ho mai letto Un bacio e addio (Einaudi).

  3. Approfitto dello spazio per una seconda domanda, che non c’entra con McCoy. Ho visto che hai tradotto Underworld USA di Joseph F. Dinnen. Posso chiedere di cosa si tratta? E’ un autore che non ho mai sentito e di cui su internet non si trova granché.
    Grazie, Matteo (un affezionato estimatore delle tue traduzioni)

  4. Matteo,

    per quanto riguarda ulteriori ristampe di McCoy non saprei risponderti. Prova a chiedere a Terre di Mezzo. Spero comunque di sì.

    Per quanto riguarda, invece, “Underworld U.S.A” di Joseph Dinneen, non si tratta di una mia traduzione. Ho soltanto scritto la prefazione. Si tratta di un’inchiesta sul crimine organizzato negli Stati Uniti scritta da uno dei più famosi cronisti di nera degli anni Trenta e Quaranta.

    ciao, luca

  5. Ottimo, ogni ristampa di McCoy è opera meritoria (con la possibile eccezione di Scalpel :P). Cosi come Cain è stato un autore soggetto a lunghi periodi di oblio, ma è decisamente uno scrittore straordinario e tra i piu grandi del “noir” a mio parere.

  6. grande scrittore concordo, le nuove traduzioni lo riscattano. mi auguro che anche Avrei dovuto restare a casa venga ripubblicato, l’edizione melangolo era un pò buttata lì. è uno dei romanzi più belli su hollywood insieme a Perche corre Sammy? di budd schulberg.
    bruno

  7. Perché corre Sammy? è un gioiello assoluto.

    Su Hollywood, beh…
    Nathanael West,Il giorno della locusta.
    Che mi dite?

  8. Io ti dico che il libro di Schulberg è magnifico, così come ritradurrei molto volentieri Il giorno della locusta (anche in omaggio a Homer Simpson) se solo la traduzione italiana già esistente – e purtroppo fuori catalogo – non fosse di Carlo Fruttero. Vedremo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: