lconti

IL RITORNO DI CHESTER HIMES

In books, Chester Himes on aprile 28, 2009 at 21:55

himesjpg

Qualche mese fa avevo parlato di Chester Himes e del suo fantastico Corri uomo corri, da me tradotto per la vecchia Giano e uscito nel 2005, ma da tempo fuori catalogo. Si tratta di uno dei romanzi fondamentali di un grandissimo scrittore americano, al di là di ogni etichetta di genere, come sa benissimo chi ha letto Vite difficili di James Sallis, uno dei suoi massimi estimatori e studiosi (nonché biografo ufficiale). Sono felice di annunciare che il romanzo torna finalmente disponibile in libreria grazie alla lungimiranza di Meridiano Zero, e riporto di seguito i risvolti di copertina (che per questa edizione ho scritto io, quindi di più non potevo davvero fare…). Un ringraziamento doveroso va a Marco Vicentini e al suo vulcanico ufficio stampa Matteo Strukul. Harlem rules!

Testimone involontario di un duplice, brutale omicidio a sangue freddo, il giovane studente nero Jimmy Johnson – che lavora come inserviente notturno in una tavola calda di Harlem – diventa a sua volta bersaglio dell’implacabile assassino, un agente di polizia corrotto e ferocemente razzista che vive in uno stato di perenne ubriachezza. Teatro di questa convulsa caccia all’uomo è una Harlem surreale e iperrealista, una sorta di girone dantesco i cui abitanti si dividono tra cattivi e ancor più cattivi, oltre che una Manhattan mai così ostile e impenetrabile, pronta a respingere chiunque bussi alle sue porte in cerca d’aiuto. E l’apparente lieto fine con cui si conclude la vicenda nasconde invece un terribile doppio fondo in cui il cinismo e il pessimismo cosmico dell’autore trovano, per l’ennesima volta, la loro conferma.
Spremendo fino all’osso uno dei più antichi luoghi comuni del thriller, l’innocente in fuga braccato dalle forze del male, Chester Himes confeziona in questo romanzo una delle sue messinscene più macabre, i cui frequenti elementi di tragicommedia non fanno altro che rinforzarne la visione apocalittica e il nichilismo portato alle estreme conseguenze, soprattutto per quanto riguarda il perverso rapporto tra bianchi e neri. A partire dal magistrale, lunghissimo alternarsi di piani sequenza che apre il romanzo, settanta pagine di fulminante adrenalina che alternano il punto di vista dell’assassino e delle sue vittime, per poi focalizzarsi definitivamente sul testimone in fuga, Himes organizza una folle gimcana per le strade, le case e i locali della metropoli newyorkese ma allo stesso tempo, pur nell’angoscia della caccia, riesce a dipingere un minuzioso quadro della vita quotidiana nella Harlem degli anni Cinquanta, in un brulicante turbinio di cabaret equivoci, bische clandestine, botteghe di barbiere e stazioni di polizia: un mondo popolato da personaggi grotteschi e dominato dall’avidità e dal disprezzo, un sabba infernale in cui la differenza tra gli uomini è fatta dai soldi e dal colore della pelle.

Chester Himes, nato a Jefferson City (Missouri) nel 1909 da una famiglia della media borghesia nera e scomparso in Spagna nel 1984, fin da adolescente ha avuto grossi guai con la giustizia – truffe, emissione di assegni a vuoto, furti d’ogni genere – che culmineranno, nel 1929, con una condanna dai venti ai venticinque anni per rapina a mano armata. È in carcere, all’inizio degli anni Trenta, che inizia a scrivere e pubblicare (firmandosi, all’inizio, col numero di matricola) e nel 1936, al suo rilascio, decide di intraprendere la carriera dello scrittore, pubblicando alcuni notevoli romanzi a sfondo sociale che non ne decreteranno però il successo.
Amareggiato e in serie difficoltà economiche, costretto ad accettare una serie di lavori saltuari e di bassa lega pur di sbarcare il lunario, nel 1952 Himes parte per l’Europa, dove trascorrerà il resto della sua tormentata esistenza, rientrando negli Stati Uniti per brevissimi periodi e non più di un paio di volte.
Himes è autore di diciassette romanzi, uno dei quali rimasto incompiuto, che appartengono in prevalenza al cosiddetto «Ciclo di Harlem» che gli ha dato la celebrità e tra cui ricordiamo
Rabbia a Harlem, Cieco, con la pistola, Soldi neri e ladri bianchi.

  1. Caro Luca, che bellezza, be’ il libro di Himes è veramente una bomba, la tua traduzione, incendiaria, adesso con meridiano zero e sugarpulp tenterò di far partire una discussione sull’importanza della traduzione perché mi pare che ce ne sia davvero bisogno: insomma sensibilizzare i lettori su questo tema è perlomeno doveroso, un abbraccio

    MS

  2. Non ho mai letto Himes, ma vorrei chiederti se tu hai letto i suoi racconti (ne esiste una raccolta completa) e se sei d’accordo coi giudizi di chi ritiene che non siano al livello dei romanzi. Te lo chiedo perchè mi propongono a buon prezzo la suddetta raccolta e non so che fare.

  3. A me i racconti di Himes piacciono molto, in linea di massima. Tieni presente che nella maggior parte dei casi sono stati scritti tra il 1933 e il 1949, ovvero prima del suo trasferimento in Europa e delle sue incursioni nel crime novel. Alcuni sono folgoranti, e di una cattiveria stupefacente (come “Feet” o il brutale “Tang”, che era uno dei racconti preferiti di Donald Westlake); altri, certo, sono meno riusciti, ma bisogna considerare che si trattava di un grande scrittore con enormi problemi esistenziali e comportamentali (tra cui la totale incapacità di comprendere le donne, e soprattutto quelle afroamericane, che nei suoi libri sono ritratte sempre con profondo disprezzo).

    Sicuramente, a detta di chi l’ha conosciuto bene, Himes non era affatto una persona gradevole, anzi; ma questo è un tratto comune a molti grandi scrittori. Certo è che ha avuto una vita difficile e sembrava attirare i guai come una calamita.

  4. Himes l’ho conosciuto nei primi anni Novanta. La vecchia LINEA D’OMBRA (gran rivista) lo spingeva un bel po’.
    Marcos y Marcos pubblicava.
    Leggerò CORRI UOMO CORRI. E quoto quello che dici di Meridiano Zero.
    Una casa editrice con molti numeri (il mio amatissimo James Lee Burke, tra gli altri).

  5. Oggi casualmente in una libreria dell’usato ho trovato una copia di Rabbia a Harlem nell’edizione Marcos Y Marcos 2004 in perfette condizioni. Ovviamente l’ho presa. Di Himes avevo solo sentito parlare, ma da come è partito il libro, penso di avere scoperto un piccolo gioiello, in attesa di ripescare anche Corri Uomo Corri. Ci saranno anche altre traduzioni in futuro?

  6. No, direi che non è indispensabile leggerli in sequenza. Per il resto, con un po’ di pazienza spero di ritradurre tutto (cominciando da quelli che in Italia non si vedono più da una vita, come All Shot Up, The Real Cool Killers e The Crazy Kill. Uno di questi tre, se tutto va bene, potrebbe uscire all’inizio del 2010).

  7. Ciao Luca, i miei complimenti per il tuo lavoro. Ho appena cominciato a leggere “Corri, uomo corri” e già mi preoccupo perché so che lo finirò in un paio di giorni. Volevo chiederti se sai se è in programma una ristampa di “Cieco, con la pistola”, “Soldi neri & ladri bianchi” e “Il grande sogno d’oro” che sono stati pubblicati da marcos y marcos ma sono introvabili. Almeno io non sono riuscito a trovarli da nessuna parte.

  8. Ciao Skrondo. Con un po’ di pazienza, come dicevo nel commento più sopra, vedrai che li ritraduciamo tutti:-)

  9. Ho letto il libro in un paio di giorni… bello e ovviamente complimenti per la traduzione, anche se ho un paio di domande.
    Mi è sembrato in alcuni punti che la traduzione fosse per così dire troppo attuale, in particolare nell’uso del turpiloquio troppo aggiornato.
    Il secondo appunto invece riguarda il momento nella storia quando Linda chiama per nome il poliziotto (Matt). Credo sia un punto topico del racconto, ovvero il crearsi di un rapporto fra il mondo della vittima e quello del carnefice. Mi rendo conto che l’inglese è fin troppo semplice e rendere certe sfumature è difficilissimo, ma credo che nella traduzione si sia perso il momento in cui Jim si arrabbia con la ragazza che chiama per nome il poliziotto: in italiano sarebbe cioè l’equivalente di passare dal LEI al TU, Jim si cioè coglie, sia pure parzialmente, la confidenza che la ragazza da a Matt.
    Non so se mi sono spiegato… in ogni caso ancora complimenti e aspetto le nuove trduzioni😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: